:Scopri l'offerta adsl, voip

Offerto da giochieflash.it: giochi online
Codice HTML da incollare ADUC - Stop al canone Rai!

martedì 15 settembre 2009

Padova, «Non toccarmi, sei negra»: paziente insulta infermiera di colore

Operaio ricoverato al Centro ustionati inveisce contro la donna che lo sta medicando. Rischia una denuncia




ROMA (14 settembre) - Follia al quinto piano dell’ospedale, al Centro Ustioni di Padova. Sarà stato il dolore lancinante provocato dalle lesioni che da una settimana lo torturano, ma anche un inspiegabile odio razziale a mandare venerdì scorso su tutte le furie un uomo di 56 anni residente a Mazzolada di Portogruaro.

Mentre un’infermiera di colore - una congolese 40enne - lo stava medicando, l’uomo ha cominciato a farneticare e a ribellarsi alle cure. La colpa della donna: non essere italiana. Il protagonista di questo increscioso episodio è Livio Strumendo, che giorni fa rimase vittima di un infortunio sul lavoro che gli procurò gravi ustioni (è operaio edile in una ditta di Lison). Non è in pericolo di vita, ma la convalescenza è lunga e piena di insidie.

Se all’inizio del diverbio, Strumendo si è limitato ad inveire sulla malcapitata con frasi di una gravità estrema legate al colore della sua pelle, ben presto la situazione è degenerata. L’ustionato ha iniziato a barcollare per tutto il reparto e ha distrutto un monitor della reception. Allarmati dal reparto hanno allertato il posto di polizia dell’ospedale che ha mandato alcuni agenti al quinto piano per immobilizzare l’uomo.

Mentre il personale ospedaliero confortava l’infermiera, tra l’altro considerata da tutti molto valida, l’impresario ustionato veniva sedato. Resta da capire se trasformare l’imbarazzante episodio in una denuncia oppure giustificare quanto avvenuto come un atto provocato dal dolore causato dalle ustioni.

Nessun commento: